Azienda

INFORMAZIONI SU INDUSTRIAS DOLZ

Investimento

Conoscenza ed esperienza al tuo servizio

In questi ultimi anni in Industrias Dolz abbiamo fatto un investimento significativo per avanzare a livello tecnologico e, in questo modo, ottenere prodotti di maggiore precisione e qualità e fornire ai nostri clienti la massima soddisfazione possibile.

L’implementazione di un nuovo impianto di assemblaggio con la completa robotizzazione del processo produttivo, il pieno controllo e un’elevata produttività.

Il nuovo sistema di fusione dell’alluminio fa sì che la nostra capacità produttiva copra le esigenze produttive interne, raggiungendo le 12.000 unità al giorno.

Con investimenti significativi, espandiamo continuamente la nostra gamma di prodotti. Con tutto questo, Dolz è oggi anche un’azienda leader fuori dai nostri confini, come il MERCOSUR, grazie alla nostra filiale in Argentina; mentre Dolz China è già una realtà inarrestabile e fa parte della nostra strategia globale.

Allo stesso modo, abbiamo nuove filiali, come in Messico, e progetti in corso per continuare ad espandere le filiali in tutto il mondo. Infine, vale la pena sottolineare il nuovo centro logistico ad Alicante (Spagna) che ci permette di abbreviare i tempi di consegna per offrire il miglior servizio ai nostri clienti.

Nel nostro continuo obiettivo di migliorare la nostra qualità, è stato recentemente portato a termine il progetto di trasferimento ed espansione della fabbrica in Spagna, un progetto che si è già concretizzato. Questo nuovo stabilimento dispone di macchinari nuovi e moderni come forni, iniettori, robot e centri di lavoro.

Progetto CE / 0795 / P12 “Nuovo impianto di produzione per pompe acqua per autoveicoli di Industrias Dolz ad Almazora”

L’obiettivo principale del progetto era la costruzione di un nuovo stabilimento produttivo per la fabbricazione di pompe acqua per autoveicoli situato nel comune di Almazora.

Il progetto è sostenuto dal Ministero delle Finanze e della Funzione Pubblica nell’ambito del programma “Incentivi Regionali”, con un contributo di € 476.956,2, cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FEDER).